Logo ilPrestito
Numero Verde: 800910630
Area Clientiarea Clienti

area partnerarea partner

Le News

30/06/2009 - Saldi estivi: si spenderanno 3,6 mld.

Arrivano i saldi estivi e, come ogni anno, si scatena la corsa all'affare e l caccia al capo desideato a prezzi più accessibili.
I saldi estivi rappresentano una vera manna per i consumi, soprattutto in un periodo qual è quello attuale.
Il giro d'affari, secondo le stime di Confcommercio, sarà pari a 3,6 miliardi di euro.
L'obiettivo, spiega Renato Borghi, vice-presidente di Confcommercio e numero uno di Federmoditalia, è quello di attenuare il rosso nella voce "vendite", che interessa un po' tutti i settori e, in maniera particolarmente pesante, il comparto abbigliamento, accessori e calzature.
Ma i saldi estivi rappresentano anche un'occasione imperdibile per le famiglie per trovare gli articoli desiderati con sconti anche superiori al 30 per cento.
Euro più euro meno, si spenderanno per i prodotti in saldo circa 101,00 euro a persona, che saliranno a 243 per ciascun nucleo familiare.
La caccia al capo scontato aprirà i battenti, domani, 1° luglio, a Campobasso, per poi, proseguire, con Napoli, il 2 luglio. Bisognerà aspettare il 4 luglio a Bari, Bologna, Milano, Palermo, Roma, Torino e Venezia. Ultima a partire con i saldi, Bolzano, dove gli amanti dello shopping dovranno attendere il 15 luglio per iniziare i loro acquisti in saldo.

In genere, i saldi rappresentano un buon affare per negozianti e clienti. Ma, qualche volta, dietro il "grande acquisto" può nascondersi un imbroglio. Di qui la necessità di un piccolo "ripasso" di alcune regole base da conoscere prima di entrare in un negozio ed evitate così brutte sorprese. Per esempio, ricorda Confcommercio, il negoziante è obbligato a indicare sul prodotto il prezzo normale di vendita, lo sconto applicato e, quindi, il prezzo finale "in saldo". Di norma, poi, i capi proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita, anche, capi appartenenti non alla stagione in corso.

Non esiste, poi, nessun obbligo di prova dei capi in saldo. È una scelta rimessa alla discrezionalità del negoziante. Come, pure, la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato. Tranne, però, quando il prodotto sia danneggiato o non conforme. In questo caso, scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, bisognerà ridurre o restituire il prezzo pagato. Il compratore è, però, tenuto a denunciare il vizio del capo entro 2 mesi dalla data della scoperta del difetto. Nessuna discrezionalità, invece, sul fronte dei pagamenti: le carte di credito devono essere sempre accettate, qualora, però, sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione. L'alternativa: il caro e vecchio denaro. Sempre un po' ingombrante, specie per i grandi acquisti, ma, c'è la certezza, che nessuno lo rifiuterà giunti alla cassa.

Torna all'elenco news

Serietà ed efficienza per i tuoi affari - IlPrestito
ilPrestito è un marchio di NiM Consulting S.r.L. - P.IVA: 02514590807 - Iscr. OAM n. A7892 - ISVAP n. E000287795
Progettazione e sviluppo web: Soluzioni-Internet.eu
Copyright 2009 - 2018 © - Tutti i diritti riservati - Privacy
Valid XHTML 1.0 Transitional  Valid CSS